December 9, 2022

Hardwood Paroxysm

All Latest News For You!

oro Lara Gut-Behrami, deludono Brignone e Curtoni – OA Sport

CLICCA QUI PER AGGIORNARE LA DIRETTA LIVE

5.16 Grazie per averci seguito e buon proseguimento di giornata. Non arrendiamoci, in discesa la storia potrà cambiare. Non solo per il ritorno di Sofia Goggia, ma anche con le sorelle Delago adattissime a questa pista. Un saluto sportivo.

5.15 La classifica finale del superG:

  1. Lara Gut-Behrami (Svizzera)
  2. Mirjam Puchner (Austria) +0.22
  3. Michelle Gisin (Svizzera) +0.30
  4. Tamara Tippler (Austria) +0.33
  5. Ester Ledecka (Repubblica Ceca) +0.43
  6. Ragnhild Mowinckel (Norvegia) +0.58
  7. Federica Brignone (Italia) +0.66
  8. Cornelia Huetter (Austria) +0.68
  9. Mikaela Shiffrin (Usa) +0.79
  10. Elena Curtoni (Italia) +0.83

5.14 I piazzamenti finali delle azzurre: 17ma Marta Bassino, 22ma Francesca Marsaglia.

5.10 Lara Gut-Behrami ha vinto l’oro olimpico da campionessa del mondo in carica. In questa specialità è la più forte. La Coppa del Mondo è un conto, le Olimpiadi un altro. Non a caso l’avevamo definita la favorita n.1.

5.01 La gara è praticamente finita, stanno scendendo solo atlete di terza e quarta fascia. Attendiamo la n.30 per i piazzamenti finali delle azzurre.

4.56 La pista semplice e il tracciato veloce non hanno favorito le azzurre. Inoltre la scelta di pettorali piuttosto alti non si è rivelata così azzeccata, ma fa parte del gioco. Sarebbe stato un superG perfetto per Sofia Goggia, ma tant’è…Forse avevamo detto la stessa cosa anche ai Mondiali 2021 di Cortina…

4.52 Sono scese le prime 20, ma di fatto la classifica è ormai definitiva:

  1. Lara Gut-Behrami (Svizzera)
  2. Mirjam Puchner (Austria) +0.22
  3. Michelle Gisin (Svizzera) +0.30
  4. Tamara Tippler (Austria) +0.33
  5. Ester Ledecka (Repubblica Ceca) +0.43
  6. Ragnhild Mowinckel (Norvegia) +0.58
  7. Federica Brignone (Italia) +0.66
  8. Cornelia Huetter (Austria) +0.68
  9. Mikaela Shiffrin (Usa) +0.79
  10. Elena Curtoni (Italia) +0.83

4.50 La svizzera Jasmine Flury è 12ma a 0.92. Ora possiamo dirlo: Lara Gut-Behrami campionessa olimpica.

4.48 Marta Bassino, dietro di 0.82 all’ultimo intermedio, chiude 15ma a 1″57: il piano finale, come previsto, l’ha zavorrata. Niente medaglia oggi per l’Italia.

4.45 Troppi anticipi per Francesca Marsaglia, che poi sbaglia, perde velocità e chiude ultima a 2″10. Ora Marta Bassino.

4.43 Mowinckel è sesta a 0.58: fa scendere di una posizione Federica Brignone, ma cambia poco. Tocca a Francesca Marsaglia.

4.41 Si ribarte con Mowinckel, poi toccherà a Marsaglia e Bassino.

4.38 Bruttissima caduta per la neozelandese Alice Robinson, che si aggancia ad un palo. Aveva solo 0.21 di ritardo al secondo rilevamento. Ora forse l’ultima grande minaccia per Lara Gut-Behrami: c’è la norvegese Ragnhild Mowinckel. Robinson intanto si è già rialzata.

4.35 Niente da fare, Corinne Suter è 11ma a 0.98. Gut è in testa con il pettorale n.7, Puchner seconda con il 3, Gisin terza con il 4, Tippler quarta con il 5, Ledecka quinta con il 2. Oggi era una gara da pettorali bassi…Con il senno di poi, Federica Brignone avrebbe dovuto scegliere il n.3 o 5, ma con i ‘se’ non si fa la storia. La neve ora sembra essere più lenta.

4.34 Gisin in vantaggio di 0.05 al primo rilevamento, ma anche lei accusa 0.39 al secondo parziale.

See also  He started following Bonucci and Pogba on Instagram

4.33 La canadese Marie Michele Gagnon è 11ma a 1″14. Attenzione adesso a Corinne Suter: la Svizzera va per la doppietta?

4.33 Lara Gut-Behrami ha vinto (per ora) la gara tra primo e secondo intermedio. Anche la canadese Gagnon perde 6 decimi in quel tratto.

4.30 Niente da fare, Elena Curtoni è nona a 83 centesimi. Le azzurre oggi non hanno trovato le linee giuste su questo tracciato. E, ad ogni modo, si conferma purtroppo il trend: quando l’Italia è favorita, difficilmente vince. Anche a Tokyo 2020 era stato così.

4.29 Curtoni avanti 0.05 al primo rilevamento, ma anche lei paga 0.48 al secondo. Niente da fare.

4.27 Miradoli è nona a 9 decimi. Ora Elena Curtoni: la pista non è favorevole, serve una magia.

4.25 Niente da fare, non è l’Olimpiade di Mikaela Shiffrin: l’americana è ottava a 79 centesimi. Ora la francese Romane Miradoli, poi Elena Curtoni.

4.24 Subito 2 centesimi di vantaggio per Shiffrin, ma al secondo rilevamento paga 0.38.

4.22 Lara Gut-Behrami è in testa con 0.22 su Puchner e 0.30 sulla connazionale Gisin. E attenzione perché alla Svizzera resta ancora Corinne Suter…Federica Brignone è sesta a 0.66. La prossima sarà l’americana Mikaela Shiffrin: vedremo se riuscirà a riscattare la sua Olympiade.

4.21 La francese Gauche è ottava a 1″36.

4.20 Non ha sciato male Federica. Forse un po’ abbondante in qualche traiettoria, ma era un superG più per sciatrici scorrevoli che tecniche. Sarebbe servita Sofia Goggia oggi.

4.19 Federica Brignone aveva 5 centesimi di ritardo al primo intermedio, 0.49 al secondo, 0.47 al terzo, chiude sesta a 0.66. Purtroppo la pista si è rivelata troppo semplice per l’azzurra. Peccato.

4.18 Huetter è sesta a 0.68. E’ il turno di Federica Brignone con il pettorale n.9.

4.16 Già 0.46 di ritardo per Huetter al secondo intermedio, niente da fare.

4.14 Lara Gut-Behrami al comando. Aveva 67 centesimi di vantaggio all’ultimo intermedio. Chiude con 0.22 su Puchner. Nel finale ha perso 45 centesimi, ma nel tratto più tecnico ha dato spettacolo. Non sarà semplice batterla, per niente. Attenzione ora all’austriaca Cornelia Huetter.

4.14 0.08 di vantaggio al secondo rilevamento.

4.13 0.13 di ritardo per l’elvetica al primo intermedio.

4.13 Tessa Worley è quinta a 1″57. Ed ora la favorita n.1: la svizzera Lara Gut-Behrami. Insegue il primo oro olimpico della carriera.

4.12 Niente da fare per Worley, già 97 centesimi di ritardo al secondo rilevamento.

4.10 Tippler è seconda a 11 centesimi. Ha perso 7 decimi secchi da Puchner nell’ultimo tratto: quel piano fa davvero malissimo…Ora la francese Tessa Worley, grande delusa del gigante.

4.10 Tippler passa avanti di 0.59 al terzo rilevamento!

4.09 0.05 di ritardo per Tippler al primo intermedio, 0.06 al secondo.

4.07 Michelle Gisin pennella la parte più tecnica, ha 2 decimi di vantaggio all’ultimo intermedio, ma chiude seconda a 8 centesimi da Puchner. Ora l’austriaca Tamara Tippler.

4.05 L’austriaca Mirjam Puchner spegne subito il sogno di Ledecka e passa in vantaggio per 21 centesimi! Un missile l’austriaca sul piano conclusivo: abbiamo capito che la gara si deciderà lì…Ora la svizzera Michelle Gisin.

See also  Big Rom is leaving Chelsea

4.03 Attenzione perché Ester Ledecka pone una seria candidatura per un bis clamoroso. Vola in testa con 1″39 su Raedler. La ceca non ha sbagliato niente, poi nel finale si è scatenata, essendo una maga sui piani…Sarà durissima batterla.

4.02 Tre decimi di vantaggio per Ledecka al secondo intermedio.

4.01 1’15″33 il tempo dell’austriaca, che ha disputato una prova senza sbavature. I 22″ finali completamente piatti sono davvero intermabili…Vediamo ora la campionessa in carica Ester Ledecka.

4.00 Iniziato il superG femminile. In pista Raedler.

3.57 Ci siamo, l’austriaca Ariane Raedler al cancelletto di partenza.

3.54 Condizioni meteo ottimali. E’ una gara che entrerà subito nel vivo con atlete come Raedler, Ledecka e Puchner.

3.51 Fa paura anche Mikaela Shiffrin con il pettorale n.11. Quest’anno in superG non ha brillato, ma è reduce dalle uscite in gigante e slalom: dunque dire che avrà il dente avvelenato è poco…

3.47 Grande occasione anche per Elena Curtoni, seconda nella classifica di specialità di superG. La valtellinese dovrà adattarsi ad una neve da accarezzare, senza incidere troppo con le lamine.

3.44 Se la svizzera Lara Gut-Behrami e Federica Brignone partono con i favori del pronostico, il tracciato non così selettivo apre diversi spiragli anche alle austriache Puchner e Tippler, ma anche alla Norvegese Mowinckel edson alla neo Robin. Fa paura l’elvetica Corinne Suter su un tracciato di questo tipo.

3.41 Quattro anni fa vinse la ceca Ester Ledecka, che realizzò un’impresa leggendaria: solo pochi giorni prima vinse l’oro anche nel PGS di snowboard. Attenzione perché è in gara anche oggi con il pettorale n.2 ed ha già vinto nuovamente il titolo nel PGS…

3.39 Brignone ha scelto il 9 per partire prima della pausa, avendo al tempo stesso l’opportunità di guardare le avversarie con i primi numeri.

3.38 Ricordiamo che Sofia Goggia non sarà presente. Questi i pettorali delle azzurre: 9 Federica Brignone, 13 Elena Curtoni, 18 Francesca Marsaglia, 19 Marta Bassino.

3.37 Il superG è stato tracciato da Florian Scheiber, allenatore dell’Austria. E’ un tracciato molto veloce. La pista è la stessa degli uomini, ma si parte da cinque porte più in basso. La prima parte è tecnica, con curvoni importanti, attenzione però agli ultimi 20 secondi di puro scorrimento: non si può sbagliare la curva che precede il piano conclusivo, altrimenti si perde la gara.

3.35 I pettorali di partenza della gara:

1 56256 RAEDLER Ariane 1995 AUT
2 155763 LEDECKA Ester 1995 CZE
3 56125 PUCHNER Mirjam 1992 AUT
4 516284 GISIN Michelle 1993 SUI
5 56088 TIPPLER Tamara 1991 AUT
6 196928 WORLEY TESSA 1989 FRA
7 516138 GUT-BEHRAMI Lara 1991 SUI
8 56128 HUETTER Cornelia 1992 AUT
9 297601 BRIGNONE Federica 1990 ITA
10 197641 GAUCHE Laura 1995 FRA
11 6535237 SHIFFRIN Mikaela 1995 USA
12 197497 MIRADOLI Romane 1994 FRA
13 297910 CURTONI Elena 1991 ITA
14 105269 GAGNON Marie-Michele 1989 CAN
15 516319 SUTER Corinne 1994 SUI
16 415232 ROBINSON Alice 2001 NZL
17 425929 MOWINCKEL Ragnhild 1992 NOR
18 297702 MARSAGLIA Francesca 1990 ITA
19 299276 BASSINO Marta 1996 ITA
20 516248 FLURY Jasmine 1993 SUI
21 6535791 WRIGHT Isabella 1997 USA
22 485941 PLESHKOVA Julia 1997 ROC
23 435334 GASIENICA-DANIEL Maryna 1994 POL
24 107583 REMME Roni 1996 CAN
25 715171 MUZAFERIJA Elvedina 1999 BIH
26 206668 WEIDLE Kira 1996 GER
27 565320 FERK SAIONI Marusa 1988 SLO
28 6536396 WILKINSON Alix 2000 USA
29 197383 GAUTHIER Tiffany 1993 FRA
30 6536213 CASHMAN Keely 1999 USA
31 155848 NOVA Tereza 1998 CZE
32 25210 MORENO Cande 2000 AND
33 155994 NOVAKOVA Barbora 2002 CZE
34 45331 SMALL Greta 1995 AUS
35 125039 NI Yueming 1995 CHN
36 285021 SZOLLOS Noa 2003 ISR
37 705499 JANCOVA Rebeka 2003 SVK
38 35222 BARUZZI FARRIOL Francesca 1998 ARG
39 255406 FRIDGEIRSDOTTIR Holmfridur Dora 1998 ISL
40 536481 SCHLEPER Sarah 1979 MEX
41 705456 HROMCOVA Petra 1998 SVK
42 125038 KONG Fanying 1996 CHN
43 695130 SHEPILENKO Anastasiia 2000 UKR
44 197848 ARBEZ Tess 1997 IRL

See also  Call to buy PSG

3.30 Buongiorno amici di OA Sport e benvenuti alla Diretta Live del superG femminile di sci alpino alle Olimpiadi Invernali di Pechino 2022.

IL BORSINO DEL SUPERG FEMMINILE

Buongiorno e benvenuti amici e amiche di OA Sport al fatidico superG femminile, gara valevole per i Giochi Olimpici invernali 2022. Nella località cinese di Yanqing le frecce azzurre vogliono prolungare il dominio messo in atto nel corso della stagione, nonostante la pesante assenza di Sofia Goggia.

Elena Curtoni e Federica Brignone rappresentano le principali carte da medaglia per l’Italia, Marta Bassino ricopre invece un ruolo di outsider ma se azzeccasse la giornata giusta può ambire anche lei ad un piazzamento di rilievo. Francesca Marsaglia completa il contingente tricolore sostituendo la sopraccitata Goggia, ancora alle prese con i fastidi al ginocchio.

Un nome su tutte spaventa le atlete del Bel Paese: l’elvetica Lara Gut-Behrami è incappata in una stagione ricca di chiaroscuri, ciononostante rimane una delle favorite come dimostra il titolo Mondiale conquistato a Cortina d’Ampezzo 12 mesi or sono. Altre minacce giungono dalle connazionali Michelle Gisin e Corinne Suter, senza dimenticare l’oro olimpico di Pyeongchang Ester Ledecka e le velociste austriache Cornelia Huetter, Tamara Tippler, Ariane Raedler ed Elisabeth Reisinger.

Come sta veramente Sofia Goggia? Misteri, social e giornalisti: e la prova di sabato…

Partenza del superG olimpico fissata alle 4.00 in punto. Attraverso la DIRETTA LIVE curata da OA Sport potrete seguire la gara minuto per minuto dall’inizio alla fine, con un occhio di riguardo sulle discese azzurre. Oggi è un buon giorno per provare a scrivere la storia!

Photo: Lapresse